Etna: La Pista Altomontana

Il percorso, partendo dal Cancello Melia, l’accesso meridionale all’Altamontana, segue la pista in sterrato, che percorre un anello quasi completo del vulcano, ad un’altezza media di 1600 m, e che permette di godere dei diversi paesaggi che l’Etna offre ai suoi visitatori. In un continuo e divertente sali scendi, attraversiamo in rapida successione diversi affascinanti scenari: verdeggianti boschi misti, fragranti pinete, deserti campi lavici, rifugi altomontani, grotte e faggete. C’è anche la possibilità, non remota, di incrociare esemplari di fauna selvatica etnea, come volpi, lepri o conigli selvatici, nonché di animali d’allevamento, come pecore, capre, mucche e maiali.

Dopo circa 36 Km, si raggiunge il limite settentrionale della pista: all’altezza della Caserma Pitarrone, ci si addentra nella Pineta di Ragabo, per arrivare alla Sp Mareneve, dalla quale, dopo qualche chilometro in discesa, imbocchiamo un sentierino in ripida salita sulla destra che ci porta allo “Zappinazzu”, il più grande pino dell’Etna. Si prosegue in direzione di Monte Crisimo e  oltrepassato l’omonimo rifugio, il bosco della Cerrita, la chiesetta di Magazzeni e Zafferana Etnea, la fine della nostra passeggiata.